Elettronica Frisone

dell' ing. Fulvio Tosi

Progettazione e produzione di dispositivi elettronici: schede, interfacce, sottosistemi, apparecchiature e relativi firmware e software

La storia

L'ingegner Fulvio Tosi, titolare dell'azienda, aveva iniziato la sua attivitą nel settore nel 1970, partecipando al "Progetto Esquilino" del "Laboratorio per l'Automazione Navale" del C.N.R. EF0331r1 (oggi IAN Istituto per l'Automazione Navale). Il suo compito principale era mettere a punto la strumentazione sperimentale di nuova progettazione installata a bordo della motonave Esquilino e di collaborare al primo esperimento di comando automatico da plancia del motore principale, impiegando un calcolatore elettronico (IBM 1180). 
Passato successivamente al CETENA (Centro di Tecnica Navale), oggi  centro di ricerca del gruppo Fincantieri, ha realizzato i primi sistemi di monitoraggio di bordo basati sull'uso di calcolatori elettronici (IBM S/7) e sistemi di acquisizione ed elaborazione automatica dei dati delle prove in mare delle navi in consegna.
Nel 1986, lasciava il CETENA dando vita alla Elettronica Frisone, avviando collaborazioni con aziende sia nel campo della automazione navale che nel settore dalla simulazione per l'addestramento del personale di plancia.

Alcuni fra i prodotti realizzati sono stati, nel campo della simulazione, il simulatore di manovra navale comprendente la simulazione dei segnali video radar e scandaglio, reti di comunicazioni radio simulate, strumentazione di plancia. Mentre nel campo dell'automazione, oltre a varie schede e sistemi per usi specifici, il GPPC (General Purpose Programmable Controller)  realizzato nel 1986,  dedicato alla automazione navale (approvato dal RINA), quando i prodotti presenti sul mercato non coprivano ancora le esigenze di alta versatilitą di uso e programmabilitą sul campo, che al giorno d'oggi sono diventate uno standard. Il GPPC (noto soprattutto come PL887, commercializzato dalla Pizzorno & Lini s.r.l.) era un controllore programmabile configurabile con ingressi e uscite sia digitali che analogici di vario tipo, comprendente funzioni speciali dedicate all'impiego negli impianti di bordo. Le applicazioni spaziano dal controllo della centrale elettrica di bordo, alle caldaie, ai motori prinicpali, alle eliche di manovra e quant'altro possa essere automatizzato.

Prodotti


L'attivitą principale consiste nella progettazione ad hoc per il cliente, tuttavia esiste un prodotto divenuto standard

- Telegrafo di macchina EF0557

Telegrafo

Il Telegrafo, approvato dal Registro Navale Italiano (RINA), ha la peculiaritą di utilizzare solo 3 conduttori per l'alimentazione e la comunicazione fra i vari dispositivi.
Le dimensioni sono 144x144 mm
Si possono collegare fino a 5 unitą: plancia, ala destra, ala sinistra, centrale di macchina e sala macchine.
Il dispositivo in plancia trasmette le informazioni di "comando da plancia" e "risposta da macchina" con protocollo NMEA per l'eventuale invio ad un VDR.
Ogni unitą ha disponibile un contatto pulito normalmente chiuso per il collegamento ad un sistema di allarme e/o monitoraggio, al fine di segnalare tempestivamente una eventuale anomalia od una messa fuori servizio da parte dell'operatore (pulsante OFF).



Sede: via san Martino 13/13 , 16131 GENOVA - Italia
Produzione: via Struppa 80R, 16165 GENOVA - Italia
tel. +39 3462308069  fax +39 010804992
e-mail fulvio.tosi@elettronicafrisone.com
p.IVA 02819270105